BULLI & PUPE

 

Home

 

Viviamo in un mondo di ”Bulli e Pupe” dove meno sai fare e più sei fasullo più sei preso in considerazione, sembra quasi che possedere delle doti ed essere corretti sul piano etico e morale in questo paese serva solo per creare invidia e preconcetto. Di sicuro essere corretti in Italia (paese dei furbi) vuol dire perdere il treno. La TV è piena di “coglioncelli/e” in grado a malapena di far ballare muscoli e forme finte (si pronuncia steroidi e protesi) e riescono a malapena a coniugare un verbo….ma qui è così che funziona. Essendo un operatore alla sicurezza professionista ho avuto l’occasione nel mio lavoro di “accompagnare”  diversi attori e cantanti, e proprio in uno di questi servizi ho avuto l’occasione di parlare con un noto personaggio del mondo dello spettacolo di quanto scritto sopra e d’altro. Mi ricordo perfettamente una  precisa domanda che posi all’attore in questione: ma perché nessuna sitcom italiana  assomiglia neanche lontanamente, ne come recitazione ne come ritmi a quelle d’oltre oceano (vedi Friend’s ecc). La risposta immediata, serena e senza nessuna venatura polemica… perché là sono bravi! (Che tristezza). Una piccola nota. In america non pagare le tasse è un reato gravissimo (il falso in bilancio viene punito fino a 25 anni di carcere), in Italia chi non paga le tasse e la fa franca…è un FIGO! Perché in questa nazione (e non è retorica)chi ruba vive molto meglio delle persone oneste? Perché in questo paese anche le cose più insignificanti sono impregnate e controllate dalla politica? Azzardo una risposta, forse perché viviamo nel paese dove i ”DON” (non intesi in senso clericale) fanno la differenza? In questo paese più hai la coda di paglia e più sono le possibilità di trovare appoggi e riuscire ad emergere. Non importa in quale campo, l’importante e essere “coinvolti”, cioè ricattabili. Ecco spiegato in modo semplice e chiaro come mai i “dopati di professione” non denunciano mai ne i medici nei dirigenti della società “dove prestano servizio”.   (giugno 2006)

 

                                                                               

 

TORNA ARCHIVIO ARTICOLI