COLOSSI D'ARGILLA

 

Home

Chi di noi vorrebbe un figlio che col doping va a” braccetto” ed è “fidanzato” con la droga?
Nessuno penso!
Mi piacerebbe però che qualcuno mi spiegasse allora, perché questo grandissimo quanto CORDIALE ed IPOCRITA clamore da parte dei mass media per dei personaggi che non sono da esempio a nessuno, ne come campioni (DOPATI), ne come uomini (DROGATI).
Due nomi a caso?….Non serve, “ il Ciclista”,“il Calciatore” ed “il Wrestler” sono stati sulla bocca di tutti in questi mesi.
Certo che in tempi dove chi si dopa e si droga viene descritto come un fenomeno quasi da imitare…….? a me personalmente nel momento che costoro cadono in disgrazia mi salta alla mente un vecchio detto popolare: Chi è causa del suo mal……e penso che molte persone (normali) siano d’accordo con me. E poi, perché questi personaggi «MALEDETTI» che hanno dalla loro il talento, la fortuna, a volte la bellezza, la ricchezza e la popolarità, spesso e volentieri dal loro pulpito eretto sull’ipocrisia fanno la morale alla gente comune che tutti i giorni deve lottare per tirare avanti ? Almeno questo ce lo potrebbero risparmiare.
Un aggravante in tutto questo contesto è il fatto che nonostante i personaggi in questione siano palesemente DOPATI, si cerchi di tenere sempre vivo il clamore della grande «IMPRESA» da loro ottenuta. Se l’atleta era dopato dove sta la grande IMPRESA?
Perché bisogna portare la gente a credere nell’ ipocrisia?
Quale perfido gioco c’è dietro tutto ciò?
E soprattutto chi ne trae profitto nell’alimentare i miti costruiti sulle sabbie mobili?
Quanti di noi vorrebbero un figlio così......?

                                                                           Leonardopavoni2002

 

TORNA ARCHIVIO ARTICOLI