NESSUNO (quasi) è INTOCCABILE

 

In un passaggio del brano musicale COMPAGNO DI SCUOLA Antonello Venditti chiama in causa il divino poeta chiedendosi se…“Dante era un uomo libero un fallito o un servo di partito”…lasciando perdere il fallito, la prima cosa che mi viene in mente quando sento predicare il nato ricco Beppe Grillo è “libero o servo di  partito”. Bella domanda. Ma sono l’unico in Italia a pensarla così? Beppe perché non tocchi anzi non sfiori i SAVOIA? Nonostante svariate sollecitazione tramite il Suo BLOG il Beppe da quel orecchio proprio non ci sente. Il fustigatore dell’illecito e del malcostume italiano china la testa e abbassa la coda davanti ad un cognome? Questo creerebbe un precedente. Beppe non è da Te! A meno che tutto l’ambaradam fin qui accaduto non sia “una valvola di sfogo” creata ad arte contro il  malcontento generale. Praticamente un male minore che torna molto utile al sistema. Noi tutti ci sentiamo rappresentati dalla stridula voce del Grillo Sparlante quando deride insulta e schernisce i “Potenti”. Ci sentiamo difesi Tutelati e ridiamo insultiamo e scherniamo assieme a Lui e cosa ben più importante “ci scarichiamo”. Si, ci scarichiamo in modo “controllato” perché un popolo insoddisfatto deve trovare il modo di scaricare. Quando è la politica a deluderti e neanche il calcio (e non è cosa da poco) riesce a sfogarti… è con la politica che te la devi prendere…ed ecco dove lo spettacolo comico ed il BLOG di Grillo diventano di primaria importanza…parole prole parole contro tutto e (quasi) tutti. Tutti possono dire la sua nei confronti dei “diversamente buoni”. L’importante è dire non fare. Il male minore appunto! Ma non è che così facciamo proprio il gioco dei “diversamente buoni”? All’ inizio Grillo dava molto fastidio ed è per questo che ha ottenuto grandissimo successo, poi sé capito che tutto questo poteva tornar utile…qualche querela, il tutto riparabile con moneta sonante , cosa che al Beppe non è mai mancata. Sembrerebbe tutto molto ben studiato. Voi credete che se veramente venissero toccati i gangli nervosi del sistema, in un modo o nell’ altro il Beppe non verrebbe rilegato con i suoi monologhi in un osteria del porto della sua Genova? Solo che in questo momento di grandissima popolarità qualsiasi presa di posizione nei confronti del Grillo nazionale avrebbe una cassa di risonanza globale a suo favore e questo i vertici lo sanno. La cosa migliore da fare è stare alla finestra ad ascoltarlo visto che ci fa anche ridere di noi stessi…basta che non esageri. Una sorta di tacita intesa dove entrambi i contendenti traggono il loro profitto a seconda dei loro interessi.

Mannaggia sti SAVOIA!

                                                                        

TORNA ARCHIVIO ARTICOLI

 

 

 

Home